Il ristorante Vintage

Pubblichiamo volentieri il commento apparso su Quinto Quarto, blog di Leonardo Romanelli:

La location sarebbe di quelle che spaventa il fiorentino medio: via Dante Alighieri, in pieno centro storico, con mole di turisti non indifferente che passeggia nei pressi, anche se qui l’importanza storica non manca. Il locale si divide in due grandi sale, con la possibilità. futura visto il periodo, di mangiare fuori, nella piazzetta antistante. Una volta Pennello era famoso per i suoi antipasti, disposti sui tavoli centrali a buffet, dalle 40 alle 50 varietà che facevano impazzire gli amanti dei piatti ricolmi. Oggi il menu rimane di un’ampiezza impressionante, rispetto alle carte che di solito si trovano in giro, ma si avverte subito grande professionalità, sia per chi lavora ai fornelli, sia per il personale di sala. Il sorriso è naturale, non forzato, il lavoro scorre veloce, ma senza fretta, si mettono d’accordo gli amanti del pesce e della carne, le pietanze spaziano dalla milanese(sai contenti i bambini!) alla fiorentina, dagli ossibuchi al baccalà, passando per il fritto di paranza e i moscardini in umido. Chiaro che tutto quello che parla toscano non manca, dai crostini alla riboliita; certo, tra i primi abbonda un po’ la panna, ma la scelta è tale che si può spaziare. Tra i dolci, le pere al forno al vino rosso sono un must da non perdere. Scelta dei vini discreta, sui 35 euro, esclusa la bistecca
1 commento
  • Il Pennello has the true Tuscan grace: warmth with dignity,
    magnificence with restraint, mastery with joy. If you do not
    understand this, you do not understand Firenze. It’s Tuscany
    on a plate! Not just a restaurant, more a way of Life.

    26 luglio 2011 15:50

Commenta